saraccologo

Saracco Dr. Marco


Via Morgari, 17 - Torino (TO) - P.Iva 05975550012 - tel. 011 6690800 - cell. 348 7373600 - marcosaracco.ms@gmail.com

Dolore anale, quali possono essere le cause?

WEBIDOO-LOGOFOOTER
doloreanale

Farmed by WEBIDOO

Quando si avverte del dolore anale, ci si suole riferire a una sensazione di fastidio più o meno intenso nell’area anale e perianale. Il dolore può manifestarsi in diverso modo: può ad esempio acuirsi quando si defeca, oppure può presentarsi solamente quando si è seduti. In certi casi è simile a uno spasmo intenso e improvviso, mentre altre volte è equivalente a una sensazione di bruciore più o meno continuo.

 

Ma quali possono essere le cause di questi problemi?

 

Come ci ricordano gli specialisti di Studio Saracco, un centro leader nel trattamento di tali fastidi nell’area di Torino, le determinanti di un simile pregiudizio possono essere numerose, e molto varie per origine e natura. Si pensi a:

 

 

L’elenco potrebbe naturalmente proseguire ancora a lungo, e solamente il ricorso a un bravo proctologo potrà aiutarvi a comprendere le origini del dolore anale, e – soprattutto – procedere con la pronta individuazione del miglior rimedio.

 

Appare infatti evidente dall’elenco che sopra abbiamo cercato di riassumere, come le determinanti di una simile condizione siano davvero numerose, e come ciascuna di essere sia caratterizzata da differenti specificità che, come tali, andranno affrontate in maniera dedicata.

 

Nei casi più semplici, per esempio, un sintomo come il sanguinamento anale potrebbe essere legato alla comparsa di emorroidi. La cura delle emorroidi sarà rappresentata in prima battuta da un cambio della dieta, preferendo una sana idratazione, unitamente a una integrazione a base di fibre, con l’uso di specifiche creme e pomate che possano attenuare il fastidio. Applicazioni calde o fredde possono ridurre il dolore, ma il suggerimento è pur sempre quello di mantenere la zona bene asciutta, perché l’umidità in eccesso, nella maggior parte dei casi, contribuisce ad aggravare la condizione.

 

Detto ciò, appare chiaro che se i sintomi di fastidio o di dolore non accennano ad attenuarsi con le cure e con i farmaci da banco, consigliati dal farmacista, è bene rivolgersi tempestivamente al proprio medico di riferimento e a un buon proctologo, in maniera tale che possa emergere la motivazione che ha fatto insorgere il dolore e, come abbiamo potuto accennare qualche riga fa, poter procedere alla cura più efficace.

 

Peraltro, un consulto con uno specialista potrà essere utile non solamente per poter procedere ad una cura del problema, quanto anche per poter evitare delle recidive o, più in generale, prevenire la manifestazione di tali fastidi.

 

Nella maggior parte dei casi, i problemi legati alla zona anale sono costituiti da emorroidi e ragadi, che possono essere prevenuti facilmente mediante uno stile di vita sano, una  dieta equilibrata e ricca di liquidi e di fibre, un’attività fisica moderata e regolare, il mantenimento di un peso forma. Nel caso dei bambini più piccoli, oltre ai suggerimenti di cui si è già fatto breve cenno, occorrerà altresì sforzarsi a mantenere su livelli ottimali l’igiene intima, accertandosi che la parte sia sempre pulita e fresca, e cambiando i pannolini con frequenza.

 

Contattaci per ulteriori informazioni!