saraccologo

Saracco Dr. Marco


Via Morgari, 17 - Torino (TO) - P.Iva 05975550012 - tel. 011 6690800 - cell. 348 7373600 - marcosaracco.ms@gmail.com

Polipi anali: perché non sottovalutarli

WEBIDOO-LOGOFOOTER
image-637

Farmed by WEBIDOO

I polipi anali non sono subito evidenti. Infatti, almeno nelle prime fasi, non danno dolore o fastidio e non ci si può rendere conto "visivamente" del problema, perché queste malattie si possono trovare nel colon-retto e possono propagarsi fino all'intestino. Cosa sono i polipi anali e da cosa dipendono?

 

I polipi anali: caratteristiche e cause

 

Il polipo anale è un'escrescenza, che si forma nella zona interna del colon-retto. Il polipo può causare anche il cancro al colon in determinate circostanze e se è di un certo tipo. Infatti, non esiste un solo tipo di polipo anale, ma ce ne sono di tre tipi diversi. Quali sono:

 

  • Iperplastici. Hanno delle mucose che si diffondono facilmente.
  • Amartomatosi.
  • Adenomatosi. Questi, anche se in minima percentuale, possono causare il cancro al colon-retto.

 

La possibilità che il polipo si trasformi in cancro dipende anche dalla grandezza. Più il polipo è di grandi dimensioni (= per grandi dimensioni, si intendono i polipi più grandi di 2,5 centimetri), più c'è questa possibilità. Per le statistiche, la percentuale scende al 10% quando il polipo è vicino a 2,5 centimetri, scende ancora fino al 2% se il polipo è tra 1,5 e il 2,4 centimetri, infine arriva sotto il 2% per i polipi inferiori alle grandezze precedenti.


Anche se di solito i polipi anali non hanno sintomi, nel 5% dei casi si ci può accorgere del problema. Di solito, ci sono delle perdite di sangue, oppure di muco, da parte della zona colpita dal polipo. Purtroppo, le cause del fenomeno non sono ancora del tutto chiare, ma sono oggetto di studi. Quindi, non è possibile capire quali sono le precauzioni da adottare. L'unica precauzione è fare un controllo una volta all'anno, per scoprire così se ci sono polipi anali che si stanno diffondendo senza che il paziente lo sappia. 

 

Quali sono le tecniche e gli esami da fare

 

Quando ci sono i polipi anali, l'unica soluzione è asportare il polipo. Per procedere, però, è necessario effettuare degli esami specifici, volti a capire la posizione e le caratteristiche del polipo. Quali sono questi esami? 

 

Il primo è l'analisi delle feci, per capire se c'è "sangue occulto". Si chiama così il sanguinamento anale dovuto al polipo, perché ci sono macchie microscopiche all'interno dell'urina, quindi il paziente può non accorgersene. Dopo questo primo esame, si fa un'esplorazione rettale, che permette di capire dove si trova il polipo e le sue dimensioni. La visita non è invasiva, né dolorosa. Poi si cercano di capire le condizioni dell'intestino, per scoprire quanto il polipo lo stia danneggiando. Per farlo, si utilizza una formula di bario e aria e il clistere. In questo modo, si evidenziano i polipi all'interno del color-retto e si può fare una sorta di radiografia. Solo per trovare i polipi più estesi, questo esame non può sostituire la più nota colonscopia, che viene praticata di solito perché consente di individuare anche i polipi più piccoli ed eventuali diffusioni.

 

Oltre all'intervento chirurgico, che viene sempre applicato in caso di polipi estesi o gravi, per quelli più piccoli si usano asportazioni con colonscopio flessibile, oppure con pinza metallica. Così, il trattamento è meno invasivo e in qualche caso non serve nemmeno la rimozione totale del polipo. Una volta asportato, questo viene analizzato per capire se può portare a nuova insorgenze o se ci possono essere possibilità di cancro.

 

A chi rivolgersi per curare i polipi anali


Per curare i polipi anali e scoprire se ci sono o no, il centro di proctologia Studio Saracco a Torino è il migliore. Il dott. Marco Saracco e la sua equipe di infermieri specializzati nelle malattie del colon-retto sono sempre informati sulle ultime ricerche nel campo proctologico. Lo studio si trova in via Morgari 17. Per i polipi anali e le altre malattie del colon-retto, si può chiedere una visita o un appuntamento direttamente in studio. Il numero per prenotare è 011.6690800, ma si può usare anche la pagina di contatto presente sul sito www.studiosaracco.com. Per un aiuto immediato e per le emergenze, si può contattare lo specialista migliore di Torino al numero 348.7373600. Il centro è vicino alla fermata Marconi della metropolitana e si raggiunge in pochi minuti anche con i mezzi pubblici. Il centro offre un'assistenza completa, con tutte le strategie avanzate per eliminare i polipi anali e scongiurare le loro conseguenze. Visita il sito ufficiale per maggiori informazioni.